Il GPS è entrato in magazzino, cosa succede adesso?

Il GPS è entrato in magazzino, cosa succede adesso?

Scopri come implementare e sfruttare al meglio le tecnologie RTLS nel tuo Magazzino.

I temi della localizzazione in tempo reale e la loro applicazione in campo logistico sono da tempo al centro dell’interesse di ogni Responsabile di Magazzino, che cerca di capire di cosa si tratta e di come può implementarli per ottimizzare la propria struttura.
Quindi, quali sono in effetti le soluzioni ed i vantaggi che i sistemi di RTLS possono portare in Logistica di Magazzino?

Che cos’è?

Partiamo dando una definizione di RTLS.

Il Real Time Locating System non è altro che un sistema di georeferenziazione che, attraverso tecnologie alternative, permette la localizzazione in tempo reale di merci e risorse, in ambito magazzino.
Le tecnologie maggiormente sfruttate si dividono in due tipologie principali. In base al campo di applicazione si possono avere tecnologie:

  • GPS (Geo Positioning System): sfruttano per lo più tecnologie satellitari e assicurano elevate prestazioni in ambienti outdoor, anche con metrature importanti;
  • IPS (Internal Positioning System): grazie a diverse tecnologie (camera, laser, wifi, UWB, beacon, ecc.) riescono a rilevare con precisione la posizione in ambienti indoor.

Quali situazioni ne permettono la massima resa?

Come per tutte le soluzioni, esistono alcune condizioni che permettono di massimizzare l’efficacia del sistema RTLS e di ottenere notevoli ritorni.

In particolare, è una soluzione particolarmente indicata per aziende che:

  • Fanno movimentazione merci tramite carrelli o altri mezzi;
  • Riguardo ai volumi movimentati, possono essere:
    • Alti volumi di movimentazione, anche a basso stock;
    • Bassi volumi di movimentazione, ma ad alti livelli di stock;
    • Una combinazione di volumi importanti sia di movimentazione che di stock;
  • Devono gestire un elevato numero di referenze e necessitano di un sistema di tracciabilità in grado di azzerare gli errori;
  • Movimentino merci in Unità (bancali, pallet, casse, cavallette, big-bag, sacconi) o Sfusi di medie dimensioni (barre, tubi, pacchi, bobine, coils, legname, carta, sanitari, lastre, rotoli di tessuto, pezzi meccanici medi o grandi, ecc.).

Se la tua azienda, rientra nelle casistiche appena presentate, continua a leggere per scoprire come sfruttare al meglio i sistemi di RTLS.

Le soluzioni di Infolog SpA: Auto-identificazione & FGS.

Infolog Spa, in base all’esperienza nel settore e dall’installazione su numerosi impianti, ha definito due metodi per sfruttare al meglio l’RTLS. Entrambi basati sull’applicazione delle logiche dei magazzini automatici a quelli tradizionali.

Auto-identificazione.

Tramite l’utilizzo della posizione delle merci, è possibile ottenere una movimentazione che non richieda letture continue di barcode.
Infatti, dopo una prima identificazione della merce in entrata al Magazzino, è possibile spostarla ed identificarla in base alla posizione. Tutto ciò è possibile grazie a sensoristiche 4.0 montabili su carrelli e al Virtual tag che si viene a creare.
Il Virtual Tag non è altro che un marcatore che sintetizza le coordinate della merce. Inoltre, interfacciandosi con il WMS, ne permette una tracciabilità completa.  Per approfondimenti, leggi qui.

FGS (Forklift Guidance System) e Regia Attiva.

Il Forklift Guidance System di Infolog SpA consiste in un navigatore con interfaccia 3D che guida automaticamente il lavoro dei carrelli e degli operatori durante tutto il turno di lavoro, ottimizzando missioni e percorsi.
Grazie a terminali grafici montati direttamente sui carrelli, gli operatori vengono condotti nelle ubicazioni designate dal sistema. Poi vengono supportati nello svolgimento delle missioni, con simulazione delle merci da prelevare.
Imprescindibile l’interfacciamento con lo Schedulatore di Magazzino, la Regia Attiva, che permette di una gestione ed un bilanciamento di tutta la struttura logistica, leggi qui per approfondire.

Il risultato finale è un comparto logistico molto efficiente ed in grado di assicurare una tracciabilità completa.

Con il sistema a RTLS & FGS e la Regia Attiva, inoltre, è possibile implementare una Baia di Picking merce all’uomo.  Simulando anche qui il funzionamento dei magazzini automatici, la Regia Attiva è in grado di schedulare le attività e guidare la spallettizzaizone e ripallettizzazione dei prodotti per i clienti.

L’introduzione del sistema di RTLS in Logistica di Magazzino permette l’ottenimento di performance analoghe o superiori a quelle dei magazzini automatici. Con il vantaggio di utilizzare le risorse già presenti in azienda e livelli di investimento molto inferiori.

Inoltre, la combinazione con il WMS Intellimag a Regia Attiva permette una riduzione complessiva dei costi. I saving sono calcolati in base a numero carrelli, ore di lavoro e programmazione, che vanno dal 30 al 50%, rispetto ad un sistema WMS tradizionale, e fino al 99% degli errori di movimentazione e spedizione.

Se vuoi approfondire come il WMS può sfruttare al meglio il sistema RTLS, scarica la documentazione di INTELLIMAG WMS, il Warehouse Management System di Infolog SpA che integra nativamente la Regia Attiva.

SCARICA LA DOCUMENTAZIONE
By | 2020-07-24T17:46:03+00:00 5 giugno 2019|News|Commenti disabilitati su Il GPS è entrato in magazzino, cosa succede adesso?